A tutto c’è una motivazione

Brunetto figlio di Buonaccorso e nipote di Latino Latini, appartenente ad una nobile famiglia toscana, visse nel mille e duecento, qualche secolo fa.

Dai documenti dell’epoca e da fonti storiche, è testimoniata la sua partecipazione attiva alla vita politica di Firenze e il suo mestiere di notaro.

È certamente appurato che fu inviato alla corte di Alfonso X di Castiglia per chiedere l’aiuto per i Guelfi durante la guerra tra Guelfi e Ghibellini, purtroppo mentre era in missione, sfortunatamente per lui, giunse la notizia del “2” in schedina, causa la vittoria a Montaperti, il 4 settembre 1260 dei Ghibellini e con questa il conseguente invito-consiglio “statti unni sì”.

Seguirono sette anni di esilio nei quali Brunetto si dovette arrangiare a svolgere la sua professione di notaio in Francia, sempre meglio di fare l’usciere al comune.

Il cambio d’aria gli fu propizio e d’ispirazione per scrivere le sue principali opere: il Tresore, il Tesoretto e il Favolello.Non chiedetemi di cosa trattino, certamente avranno avuto per l’epoca una interessata utenza se i loro titoli sono giunti fin ai giorni nostri. I pregiatissimi storici potranno se vorranno correggermi visto che le mie fonti sono del tipo “novella mille e duecento” dell’epoca.  

Leggi il resto dell’ articolo »

“Quest’Anno chi ti Purtaru i Muorti?”

Carissimi

Non mi aspetto più grandi cose positive dalla vita, in più di quelle che fino a qui ho ottenuto, ma essendo condomino di un mondo, non devo limitarmi alla mia visione egoistica delle cose ma vorrei pensare anche alle regole che ci permettono di vivere bene in comunità e allora qualche desiderio l’avrei espresso anche io in questa commemorazione dei defunti.

Vorrei come sempre che il mio paese diventasse più serio e aldilà dei soggetti “eletti” dal popolo chiamati a governare questo paese, mi aspetto un processo continuo di moralizzazione delle strutture di questo paese, un collaudo “tecnico” che giunga alla verifica dei “bulloni” che tengono in piedi la “nave paese”, ai “serraggi”, le “saldature”, la presenza di “corrosioni e ruggini” che ci portiamo dietro da anni e che mortificano il lavoro dei pochi “giusti” che ogni mattina escono da casa per guadagnarsi un tozzo di pane per se e per la loro famiglia, o peggio per vigilare e garantire che questo possa continuare a verificarsi.

Leggi il resto dell’ articolo »

Rieccoci, non cambi mai “perfida Albione”

Carissimi

Mentre ognuno si chiude su stesso e difende quella sola idea o risorsa che possiede, solo chi ha dimostrato nei secoli creatività può oggi avere il coraggio di uscire la testa fuori dal fango che ci ha ricoperto tutti, per tirare fuori altre idee, altre risorse affinché con il dovuto ottimismo, accompagnato da una dose di prudenza, si possa guardare al futuro.

Non può una prima seria difficoltà mettere in crisi un progetto, non può una errata idea di comunità distruggere il sogno, di grandi pensatori, di creare un’unica famiglia europea che mutualizzi gli sforzi, difenda la pace, crei una generazione senza frontiere.

Alle prime difficoltà abbiamo “richiuso le frontiere”, abbiamo pensato agli egoismi nazionali, abbiam mandato all’aria i principi di solidarietà e ci siamo fatti trascinare in un conflitto fornendo armi, in una via che rischia di essere di non ritorno, invece di sforzarci sopra ogni sforzo di diventare operatori di pace costringendo i contendenti a sedersi ad un tavolo e dichiarare tregua.

Leggi il resto dell’ articolo »

Aspetterò il treno dopo, è troppo affollato

Carissimi

Mi trovo in una ipotetica stazione di metropolitana dove avendo aspettato per tanto tempo il mio treno, abbondantemente in ritardo, una volta sopraggiunto e vistolo stracolmo di gente, tanto che le portiere fanno difficoltà ad aprirsi, decido di non prenderlo, rischiando e a questo punto scommettendo sull’arrivo del treno successivo che una volta scaricato il ritardo sul precedente, dovrebbe essere più vuoto, o moderatamente pieno come da prassi garantendo a tutti il loro giusto confort.

Probabilmente questa mia impressione è condivisa da qualcuno di voi, ma da persona libera di pensiero ho avuto tanta sofferenza in passato per come questo paese si sia immobilizzato e impegnato in sterili discussioni che hanno favorito la sola dialettica dando prova che il nostro non è un popolo, diviso da sempre su tutto e tutti, assemblato a tavolino su rimembranze geografiche dell’epoca latina e da sempre frazionato nella difesa dei campanili.

Non siamo un paese serio, quante volte ce lo siamo detti, pochi furbi da posizioni privilegiate ambiscono a governare il pensiero collettivo e puntualmente quando giunge il momento elettorale costoro rimangono sconfitti dalla volontà popolare che si assottiglia sempre di più.

Leggi il resto dell’ articolo »

Una donna che “pensa differente”

Carissimi

Ho seguito con attenzione in questi giorni le interviste al direttore d’orchestra Beatrice Venezi (già conosciuta in passato perché aveva rifiutato e banalizzato la richiesta di accettare il termine “direttore d’orchestra” al genere, su suggerimento della Boldrini) e oggi tacciata di essere vicina all’On. Meloni e quindi all’ambiente della destra, spattando uno dei teoremi fondanti del “radical-chic pensiero”, artista brava, donna di successo, addirittura anche bella e quindi di sinistra.

Forse, per la prima volta, chi ha vinto ribaltando lo storico primato intellettuale della sinistra, potrà se ci crede, presentarsi con una propria classe dirigente e una rete di consulenti e figure di prestigio (che per logica esisteranno anche se non necessariamente radical-chic) e saprà governare, consapevole che qualora dovesse fallire, avrebbe perso una storica e irripetibile occasione per cambiare il paese.

È giunto quindi il momento, come diceva una pubblicità di una nota casa produttrice di computer, di “pensare differente”. Puliamoci la mente dai ricordi di modelli del passato dimostratisi non più al passo con i tempi e superati. 

Leggi il resto dell’ articolo »

Cosa porterei con me nel futuro? Di certo una penna

Carissimi,

i geni non si arricchiscono, hanno delle idee fantastiche, brevettano invenzioni che cambiano il mondo e non hanno le capacità imprenditoriali per sfruttare la potenzialità delle loro idee.

Quante volte in passato abbiamo sentito dire: “passami la penna Biro”?

Si al tempo, la penna sfera che tutti noi abbiamo sulle nostre scrivanie o addirittura addosso, prendeva il nome dal cognome del suo inventore, László József Bíró.

Ma chi era Ladislao José Bíró? Nacque a Budapest, in Ungheria, il 29 settembre del 1899, in una famiglia di origine ebraica e da giovane fece diversi lavori. Si iscrisse alla facoltà di Medicina, ma al primo anno coltivò una grande passione per la tecnica dell’ipnosi, di grande successo nei primi anni venti del novecento, scoprendo in sé un grande talento come ipnotizzatore e guadagnando molto supportando alcuni medici nel trattamento dei propri pazienti.

Fu così che abbandonò gli studi per dedicarsi ad altre svariate attività, come il pilota di automobili, il doganiere, l’agente di borsa, il pittore di quadri surrealisti, lo scultore e il giornalista.

Leggi il resto dell’ articolo »

Nominato o “Innominato” per me pari sono

Carissimi

Vi ricordate del manzoniano “l’innominato”?

Sembrava proprio che il nome di costui non si potesse “ammuntuare” non perché portasse “attasso”, ma perché era così potente che meglio non nominarlo visto la miriade di nefandezze che costui era in grado di fare passando per impunito e dire che per far ciò si servisse di due “bravi”, ma anche in questo caso non trattavasi di “gente ca sinni sienti”, ma erano “bravi” un po’ come quei burocrati che chi vince le elezioni trova seduti ai posti di comando e non ha il coraggio di spostarli, perché sono “bravi” come se tutti quegli altri che avevano fuori dal cerchio magico in attesa della loro chance lo fossero di meno.

Ciò non di meno e scusate il gioco di parole, mancano sedici giorni alla fine di una campagna elettorale estiva stancante che finirà per essere come quando si fa il “gioco del silenzio”, chi parla ancora perde…

Leggi il resto dell’ articolo »

“In Generale” ottiene il suo scopo

Sette giorni fa, mi sono sentito come Otto e Barnelli. Dover leggere, mandare avanti le slides, fare le veci del direttore di palco che chiamava in scena i lettori, ma è stato bellissimo ed è piaciuto. l’ultimo brano parallelamente pubblicato su ilsicilia.it ha già superato le 1600 aperture a testimonianza che non sono i mezzi che contano ma i contenuti. Pino Apprendi uomo di esperienza anche nel campo dello spettacolo, ha trasformato un’area rudere di guerra dedicata alla memoria dei giusti in un quartiere storico, una piazza virtuale di aggregazione e di opportunità, una piccola ribalta per i progetti giovani e per l’espressione artistica, all’interno di un contenitore chiamato “Alloro Festival” e se è vero che di cultura non si mangia, se ci sono i cervelli e i contenuti, basta poco per fare CULTURA.

Generale, la Sua eredità?

Carissimo Generale

Mi permetto in questo anniversario di fare riferimento alla Sua nota lettera, inviata a riscontro di quella pervenutale dagli studenti di un istituto privato cittadino, al Suo arrivo in città e divenuta purtroppo un testamento per noi giovani.

Cosa ne è stato in questi 40 anni, cosa è accaduto nella mia vita, grazie anche alla mia educazione familiare, la formazione di base e i suoi insegnamenti fin qui seguiti pedissequamente?

Innanzi tutto quel giovane, seduto in caserma davanti al Tenente a discutere sulle aspirazioni nella vita, ingegnere lo è diventato veramente.

Ho cercato ed ho trovato subito qualcosa in cui credere, l’importanza del mio ruolo e il rispetto delle istituzioni, l’unico collante per una società civile e ho cercato pure qualcuno in cui credere, ma in questo caso non è stato sempre facile e ho dovuto raccogliere anche delle delusioni. Leggi il resto dell’ articolo »

Palermo è pronta per ospitare un Auditorium, ma nelle more…

Carissimi

L’estate entra nel mese finale, forse quello climaticamente più sopportabile dalle nostre parti ed insieme alle ultime feste, ci sono le ultime serate, i concerti, le rassegne all’aperto e tutto proprio come dicevamo accompagnato dal termine “aperto” a significare la sostenibilità climatica ed ambientale di ciò che andremo a vedere.

La Sicilia come diceva un compianto assessore al turismo è “un’isola circondata dal mare”, se non ricordassi il soggetto potrei anche vedere parafrasi dietro una frase scontata, ma credetemi non sempre chi parla, sa con chi parla e di cosa parla.

Pertanto si pensa ad una terra sempre esposta al sole ed a una perenne estate e poi si legge che in alcune zone non vi sono spazi dedicati per realizzare le grosse produzioni all’aperto. Se prendete Palermo attualmente è così.

Leggi il resto dell’ articolo »