Il Dirottamento dell’Autobus

Chi ricorda i tempi dei “Gufi” rammenterà il brano sul dirottamento del 18 e non DC8 come frequentemente accadeva di quei tempi.

Analoga esperienza ho fatto io oggi ma non sul 18 ma sul 102 perché da noi gli autobus iniziano con il 100.

Accade che un motorista come il sottoscritto, in una giornata di pioggia, dovendo recarsi al lavoro per partecipare a un evento pubblico, nel ruolo, scelga di non avventurarsi come sempre sulla sua moto incurante dell’acqua che cade dal cielo e di non sottoporsi agli schizzi di fango provenienti dalle auto che ti corrono accanto.

Allora. Il panico. Che fare?

Adesso, Leggendo Epruno 7

 

Domenica 28 Ottobre 2018 ore 18.00 al Real Teatro Santa Cecilia Palermo

Siamo al 7° episodio di “Leggendo Epruno” dedicato in questa occasione a “Crongoli”, un paesino di montagna povero posto a 1.100 m. sul livello del mare e fatto di gente semplice, circa 170 anime, tra uomini ed animali, dove si applica la “democrazia diretta” e non c’è bisogno di un organo di governo, di un referendum, ma basta il bar di Franco dove si passa il tempo a discutere di grandi temi che affliggono il piccolo centro con molta praticità e soprattutto risolutezza, essendo sempre pronti a litigare ogni qual volta il sindaco, l’unico istruito, al suo ritorno dai viaggi a Palermo, usi un termine a loro sconosciuto e per questo reputato offensivo. Leggi il resto dell’ articolo »

Cosa Fotograferà John?

<!– /* Font Definitions */ @font-face {font-family:Helvetica; panose-1:2 11 6 4 2 2 2 2 2 4; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:swiss; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:-536858881 -1073711013 9 0 511 0;} @font-face {font-family:”Cambria Math”; panose-1:2 4 5 3 5 4 6 3 2 4; mso-font-charset:1; mso-generic-font-family:roman; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:0 0 0 0 0 0;} @font-face {font-family:Calibri; panose-1:2 15 5 2 2 2 4 3 2 4; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:swiss; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:-536859905 -1073732485 9 0 511 0;} /* Style Definitions */ p.MsoNormal, li.MsoNormal, div.MsoNormal {mso-style-unhide:no; mso-style-qformat:yes; mso-style-parent:””; margin-top:0cm; margin-right:0cm; margin-bottom:8.0pt; margin-left:0cm; line-height:107%; mso-pagination:widow-orphan; font-size:11.0pt; font-family:”Calibri”,sans-serif; mso-ascii-font-family:Calibri; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-fareast-font-family:Calibri; mso-fareast-theme-font:minor-latin; mso-hansi-font-family:Calibri; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:”Times New Roman”; mso-bidi-theme-font:minor-bidi; mso-fareast-language:EN-US;} p {mso-style-priority:99; mso-margin-top-alt:auto; margin-right:0cm; mso-margin-bottom-alt:auto; margin-left:0cm; mso-pagination:widow-orphan; font-size:12.0pt; font-family:”Times New Roman”,serif; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;} .MsoChpDefault {mso-style-type:export-only; mso-default-props:yes; font-family:”Calibri”,sans-serif; mso-ascii-font-family:Calibri; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-fareast-font-family:Calibri; mso-fareast-theme-font:minor-latin; mso-hansi-font-family:Calibri; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:”Times New Roman”; mso-bidi-theme-font:minor-bidi; mso-fareast-language:EN-US;} .MsoPapDefault {mso-style-type:export-only; margin-bottom:8.0pt; line-height:107%;} @page WordSection1 {size:612.0pt 792.0pt; margin:70.85pt 2.0cm 2.0cm 2.0cm; mso-header-margin:36.0pt; mso-footer-margin:36.0pt; mso-paper-source:0;} div.WordSection1 {page:WordSection1;} –> Leggi il resto dell’ articolo »

Quanto vi manca alla pensione?

Carissimi,
Ntuonio non la smetteva mai di dire non vedo l’ora di andare in pensione. Lavorava in un ufficio della pubblica amministrazione e il suo ruolo era quello di tenere la sua scrivania piena zeppa di pratiche composta da lettere dove nella maggior parte dei casi potevi leggere “vengo con questa mia a dirle.”

Con il passare del tempo gli furono attribuite nuove “mansioni”, gli venne data oltre una scrivania anche un armadio metallico da chiudere a chiave e per lui le preoccupazioni si fecero sempre più pressanti tanto che oltre alle lettere di domande “vengo con questa mia a dirle” iniziò a fare anche lettere di risposte costantemente del tipo “non è di mia competenza”.

Eppure Ntuonio era stressato. Se non fosse esistito Kant di cui lui ignorava certamente l’esistenza, qualcuno lo avrebbe potuto scambiare per un novello “orologio di konigsberg” con il quale regolarsi il proprio orologio, poiché giungeva in ufficio perfettamente alle ore 7,30 e usciva regolarmente alle ore 14 senza la possibilità di un minimo errore, tanto che nella sua carriera non si era neanche reso conto della circostanza che avessero tolto il foglio firma e fosse giunto il badge. Leggi il resto dell’ articolo »

La perdita delle certezze

Carissimi,
Vi ricordate quando tornati a casa avvisavate dicendo: “A Mamà, io sugnu cca!
La risposta nel novantanove per cento dei casi era: “E u Papa è a Roma!”
Na vuota (una volta), ora ti devi tenere informato per sapere dove è il Papa.
Prima era una delle certezze assolute, la Chiesa è lo stato Vaticano e il Papa, il tutto a Roma e per noi che abbiamo anche nel curriculum un passato di chierichetto, l’andare a vedere il Papa, figuratevi il servire la messa al Papa era una di quelle aspirazioni massime, ma erano altri tempi.
In quegli anni in cui la gioventù era divisa tra destra e sinistra, stare al centro ed essere cattolico praticante era qualcosa da esercitare quasi in clandestinità perché se prendevi la parola in assemblea ti fischiavano, a scuola venivi trattato come un “nerd” che si vestiva all’Upim e se parlavi prendevi bastonate da destra e da sinistra.
Le ragazze impegnate politicamente che occupavano le scuole e professavano l’amore libero ti guardavano con il disprezzo che si ha verso qualcosa di viscido e anzi facevano di tutto per provocare la tua cecità.
Fatto sta che come accade nella vita noi che fummo “bravi ragazzi di chiesa” crescendo abbiamo fatto il percorso inverso di San Paolo, diventando ribelli, ipercritici e alla soglia dell’agnosticità, loro, i rivoluzionari, i sessantottini, i settantottini e quant’altro si sono imborghesiti, hanno tolto la maglietta del Che e come diceva Venditti, mettendosi la giacca e la cravatta, “sei entrato in banca pure tu”.
Porca la miseria, ma può essere mai che l’incoerenza è sempre quella qualità che ti fa prendere il meglio della vita?
Costoro quando c’era da fare sacrifici e stare intruppati, si divertivano, avevano donne di tutti i tipi, mentre tu, “pio” venivi tenuto buono da promesse del tipo stai “stai tranquillo perché i tuoi sacrifici quando crescerai saranno ripagati”, oppure “non guardare loro, è gente persa” (con il senno poi esagerando e non poco).
Siamo cresciuti e loro si sono rifatti una verginità, hanno messo la giacca e le cravatte e mentre tu stai oggi dopo tutti quei sacrifici a chiederti tanti perché e a contestare i dogmi, loro non solo sono la classe dirigente del paese e continuano a divertirsi, ma mi sono diventati anche “cattolici osservanti”.
Il danno e la beffa, c’è chi si è divertito tutta la vita sposando ideali a convenienza e c’è chi ha tentato di essere coerente e oggi rimane con la sola coerenza nelle mani e si deve turare le orecchie quando sente parole del tipo io sono “catto-comunista” …. Orrore, come si fa?
Va bene che il mondo ci ha abituati alle situazioni di mezzo, anche nel sesso, ma negli ideali no!
Che significato avrebbe dire io sono “intero-milanista” oppure sono “cata-palermitano”, l’olio e l’acqua non diventeranno mai un tutt’uno eppure c’è chi per rimanere a galla e non sto qui a rammentarvi quali “corpi organici” galleggiano sempre, si è inventato questi “ibridi”.
Che mondo è? Non lo so, come dicevo dovendo stare tranquillo da piccolo le domande me le sto facendo tutte adesso e non posso sapere tutto, ma rimango perplesso quando la sinistra oggi sta spesso con la chiesa e la destra vi fa opposizione, ma qui ci addentreremmo in discorsi “seri” per gente “seria” tipo gli analisti di politica che potrebbero dirmi, ma la Chiesa in quanto istituzione è stata sempre al fianco di chi vince, ma io sono persona semplice e come chi viene da Crongoli appartengo a gente semplice.
Io la Chiesa non l’ho mai vista come stato o potere, a me è rimasto grazie a preziosi insegnamenti materni, la visione del rapporto tra “l’Io e u Signuruzzu”, perché quel che resta della mia fede è il rapporto tra noi e qualcosa di sovrannaturale che si chiama Dio per me, per altri sarà Allah, Budda e quant’altro.
La fede è qualcosa che ti porti dentro e ti aiuta ad andare avanti, certo a volte ti distrai nel pensare che al Signore bastava una barchetta di pescatori o una spiaggia per predicare, oggi non ci sono infrastrutture gigantesche, impianti straordinari, papamobili o aerei che bastano, e ti chiedi il perché di tanto spreco, poi pensi al “Signuruzzu” di cui sopra e ritorni a concentrarti e sai che le domeniche quando vorrai e ti andrà di andarlo a vedere e ad ascoltare, “u Papa è a Roma”. Leggi il resto dell’ articolo »

Ebbene si: anche Epruno usa i cookie. Sappiamo che non vi cambierà la vita saperlo, ma la Comunità Europea ci obbliga a dirvelo, e adesso lo sapete! INFORMATIVA COMPLETA | CHIUDI