Archivio per la categoria: In Evidenza

Per Fortuna che Esiste una Pasqua

Carissimi

E’ dalle sconfitte, grandi o piccole che si costruiscono i successi per il futuro. Siamo arrivati a Pasqua, quale apparente sconfitta più grossa di quella della “Settimana Santa per i credenti è mai stata data alla futura memoria attraverso le sacre scritture ufficiali e apocrife.

Se ci pensate bene, nella descrizione della “Settimana Santa” ci sono espressi tutti i difetti più grossi all’umanità.

Se non ci fosse stata una Pasqua, così come intesa nella cristianità, non avranno riscattato il sacrificio della morte in croce di nostro Signore Gesù Cristo e qui non è un fatto di fede, poiché anche fossimo legati ad altre convinzioni religiose, la resurrezione assume una grande importanza nella impostazione del credo.

Si cade, si perde, ci si arrende, ci si rialza, a volte si rischia anche di lasciarci la vita, ma la speranza che qualunque sacrificio fatto possa anche superare le apparenti quotidiane sconfitte è ciò che ci dà la forza e l’energia per rialzarci e “risorgere”, anche quando dobbiamo ricominciare da zero e ricostruire su macerie.

Ricordate quello che per molti ancora oggi è stato solo un profeta, mentre per me cristiano è stato qualche cosa di più, una persona molto importante, figlio di una persona altrettanto importante, questo povero giovane cresciuto come tanti altri da due genitori, una casalinga è un artigiano, nello specifico falegname e che già manifesta delle differenze rispetto gli altri bambini (poi i ragazzi) della sua stessa età, che a un certo punto, giunto ai trent’anni, decide di andare in giro, con il suo particolare modo di raccontare che raggiungeva la menti semplici, i cuori di tutti, a predicare l’amore.

Leggi il resto dell’ articolo »

Mi si Nota di più se Sono Assente? Magari!

Carissimi

Ho una grande raccolta di foto da internet fatta negli anni attraverso le rassegne stampa, oltre alle tante personali, tali da costituire un archivio che mi aiuti a mantenere la memoria dei nostri tempi e soprattutto dei miei coevi e spesso quando mi capita di ricostruire un evento o un periodo della mia vita mi imbatto in tante foto della sezione “amici e autorità” riscontrando la scomparsa mediatica della quasi totalità di costoro, anche di gente della quale iniziavamo a sospettare l’onnipotenza e l’immortalità.

Mi sono convinto da ciò che non porta bene a costoro l’ostentarsi alla ricerca dei selfi in ogni occasione, anche quelle più imbarazzanti davanti alla presenza di personaggi diventati scomodi presenti nell’inquadratura o in abbracci.

Rammento che al senatore Giulio il millantato bacio costo tantissimo e dire che lui di contro non era avvezzo a posare per i fotografi, figuratevi oggi per un selfi, benché ne rimangano innumerevoli foto, suo malgrado, essendo non solo una vera “autorità” ma di certo un personaggio “autorevole”.

Diffido di chi sta sempre sotto i riflettori quando sarebbe pagato di contro per stare seduto a lavorare o addirittura chiuso in un “pensatoio” a pensare.

La sovraesposizione specialmente se si è un personaggio colpito da improvviso benessere ed ancor più se si è un personaggio in cerca d’autore, finisce per farti stare sul “pazzo” alla gente, così come diceva colui che sfortunatamente ricevette in dono un “genio della lampada sordo”.

Leggi il resto dell’ articolo »

“Buongiorno Palermo, Buongiorno Europa”

Carissimi

“Buongiorno Palermo, buongiorno Europa”, così si diceva qualche anno fa in radio apprendo la nostra trasmissione del sabato e dopo un saluto che usciva fuori dai nostri confini la domanda del mio co-conduttore era sempre la stessa: “cosa è successo questa settimana?”

La risposta non poteva che essere: “assolutamente nulla”.

Benché quelli erano momenti in cui in settimana c’erano sempre delle tensioni, a partire da quelle sociali con gli “spontanei cortei” di chi ribaltava i cassonetti per strada, creava momenti di tensione al di sotto del Palazzo di Città e non era difficile potere incontrare un gruppo antisommossa della polizia dei carabinieri al di sotto dei palazzi che contavano.

Quello era un periodo in cui anche l’economia cittadina marcava il passo, ricordo della profonda crisi dell’edilizia e delle cattive leggi che di contro in quei tempi producevano gare d’appalto che finivano tutte con le imprese che indicavano un unico ribasso (fino alla terza cifra decimale), e che imponevano la necessità di un sorteggio per stabilire il vincitore, con la conseguenza che le gare d’appalto finivano per essere aggiudicate con il 25% di ribasso sull’importo a base d’asta, situazione alquanto paradossale e pesante che nel tempo ha dato l’occasione per rivedere più di una volta i regolamenti fino ai giorni d’oggi.

Anche il Palermo non brillava per continuità, allo stesso modo di come accade ai giorni d’oggi, sempre lì per fare il salto di qualità, fin quando non vi fu bisogno di un atto di mecenatismo esterno con l’intervento del presidente Zamparini che con l’acquisto della a società (che nel frattempo era transitata nelle mani di Sensi) riuscì a fare il doppio salto dalla serie C alla serie A, regalando 10 anni di palcoscenici di prima classe.

Leggi il resto dell’ articolo »

Oggi Conviene Uscire Fuori dalla Fila

Carissimi,

avete cominciato a prendere consapevolezza che non ci saranno mai risorse per tutti?

Ci siamo deliziati spesso con la nostra espressione locale “a cu afferra un turcu e suo” per potere giustificare il modo di arraffare prima che ci sia qualcun altro che ci metta su le mani a tutto quanto si presenta davanti ai nostri occhi, per poi pregiarsi del titolo di “furbo”.

Bene, oggi dobbiamo cominciare a prendere consapevolezza che i tempi sono cambiati sia perchè “quanti turchi c’annu a essiri” per poter contentare il bottino di tutti i cacciatori?

In più, mentre prima della conoscenza della risorsa si era in un numero limitato, oggi di queste risorse sono in tanti ad averne preso consapevolezza e ad essersi messi alla sua ricerca al fine di raccoglierle.

Oggi tutti vorremmo essere furbi, quindi oggi più che mai il motto che io porto nel mio profilo (ma con tutt’altro intento e significato perché parlo di santità come Santo Agostino) è “se questo e quello perché non io?”

Dobbiamo mettere da parte le regole e affidarci ad un nuovo far west o continuare a mantenere l’atteggiamento di Alice nel paese della meraviglie che ogni tanto scopre uno scandalo e dice “mamma mia non me l’aspettavo”?

Una volta c’erano 10 comandamentileggi scritte su due “pietroni che sancivano dieci comportamenti da tenere su circostanze importanti. Poi vennero scritti i codici che finirono per amplificare e approfondire la casistica relativa a queste circostanze e poi venne il momento dell’interpretazione di queste circostanze da parte dei giudici e dei regolamentatori.

Leggi il resto dell’ articolo »

Che Profumo Usate? Quale Odore Lasciate?

Carissimi,

sono frastornato per tutte le notizie che leggo attraverso il web, non avendo la possibilità attualmente di comprare un giornale.

Mi chiedo: “Cosa vuol dire dipendere”? Vuol dire legare le proprie sorti a situazioni esterne, non necessariamente un’altra persona, o gruppi di persone, ma anche ad abitudini o a contesti che alla fine finiscono per condizionare quella che dovrebbe essere la nostra libertà.

E’ vero la nostra libertà finisce dove inizia quella degli altri, sarebbe un concetto molto saggio e semplice qualora si potesse applicare, ma penso solamente che ciò sia legato a vecchi retaggi di una filosofia ellenica che rimane stampata sui libri o nella saggezza dei vecchi professori.

Oggi e ne abbiamo parlato più di una volta, “cu afferra un turcu è suo”.

Allora cosa significa dipendere? Indubbiamente vuol dire dover avere a che fare con determinati contesti con i quali ci si confronta. Pertanto, affinché questa condizione sia una condizione, non dico transitoria, poiché qualora si scelga di dipendere lo si fa per la vita, ma accettabile, occorre che si sappia fare delle scelte che siano sempre chiare e incontrovertibili.

Qui troviamo a un certo punto la differenza tra due categorie umane. quella degli uomini con la “M” maiuscola e quella degli “zerbini” o  delle “canne al vento” che nulla hanno a che vedere con Grazia Deledda. coloro che hanno investito tanto nell’acquisto delle bandiere, di volta in volta, per averle sempre pronte per poterle issare al vento ben visibili, fidando sempre nella speranza che la gente abbia poca memoria.

Leggi il resto dell’ articolo »

La Ruota del Criceto Cinquantenne

Carissimi

Questa mattina mentre mi preparavo ad uscire ho aperto il mio armadio nella stanza da letto e ho cercato i miei pantaloni beige alla zampa di elefante, quella bella camicia col colletto lungo comprata in uno dei migliori negozi di abbigliamento trend e il mio maglioncino marrone attillatissimo.

Lo so, questo inizio di racconto, desta un sospetto per chi è abituato a leggermi nei fine settimana e soprattutto per chi mi conosce o ha visto foto recenti nelle quali mi viene sempre contestata la predilezione per il colore blu, qualche volta nero, tanto da fare invidia a qualunque metronotte e poi se proprio dobbiamo dirla tutta, non avendo grande predilezione per il mare, ma preferendo la montagna, utilizzo solamente nella stagione estiva le magliette e l’abbigliamento colorato.

Ma perché allora andare alla ricerca di questi abbigliamenti desueti?

Proprio perché quelli erano gli abbigliamenti alla moda che vestivamo negli anni 70 e io in quegli anni, frequentavo il liceo, ero un atleta, ovviamente pesavo almeno la metà di quanto possa pesare oggi, e vestivo come tutti i giovani emulando i costumi che ricordassero un po’ la febbre del sabato sera, pur non sapendo ballare (tutto strano), ma anche se non frequentavo le discoteche, quello c’era nei negozi, e se volevi essere alla moda chiaramente dovevi necessariamente avere un paio di pantaloni a zampa elefante.

Leggi il resto dell’ articolo »

Scherza coi Fanti e Lascia Stare…

Carissimi

Sono tanti i casi in cui per qualificare un’azienda o un prodotto, addirittura un evento, si ricorre alla celebrazione di anniversari veri o falsi, a volte inconsistenti, vantandone una anzianità.

A partire dai matrimoni ricordavamo che le date che potevano avere un significato erano le ricorrenze legate al venticinquesimo o al cinquantesimo anniversario, poi magari nel tempo si sono anche costruiti motivi di festeggiamenti, più che altro per motivi commerciali, legati a step intermedi, inventando anniversari legati a materiali o a metalli meno pregiati dell’oro e dell’argento.

Così oggi se si vuole presentare sul mercato un negozio o un’azienda e vantarne la sua affidabilità, si fa riferimento ad una data che magari rappresenta l’inizio dell’attività e che diventa ancora più importante se scelta nel secolo precedente, capirete che ciò poteva essere suggestivo quando vivevamo gli ultimi anni del 1900 ma non oggi che siamo nei primi anni del secolo XXI.

Il ricordare che un’attività commerciale esistesse fin dagli anni ’60 del secolo scorso, può solamente ispirare simpatia, ma poco ci direbbe sua affidabilità, poiché per tutto quel lungo periodo non è detto che l’attività abbia avuto solamente momenti eccelsi, molto spesso le aziende vivono varie vicissitudini che le portano a mantenere soltanto il nome mentre si sono subiti cambi di proprietà, sfiorati fallimenti, trasformate le produzioni snaturandone le filosofie iniziali.

Leggi il resto dell’ articolo »

Ma Quando Impari Uomo del mio Tempo?

Carissimi

Io mi ricordo quando sono nato e ho perfettamente vivi in mente i miei primi dieci anni di vita corredati da bei ricordi di qualità che ancora oggi mantengono la loro importanza.

Quando sono nato io i Beatles in realtà stavano cominciando ad avere successo da poco però ci sarebbero sciolti da lì a poco meno di un decennio, mi sono scambiato di poco con miti come Gary Cooper, Fausto Coppi, Mario Riva ma sono arrivato giusto in tempo per conoscere Marilyn Monroe, vedere in vita Totò,

Ma ricordo anche cose brutte, gli omicidi dei fratelli Kennedy, ho visto morire di lì a poco Lorenzo Bandini a Montecarlo (e da allora dicono che il Drake non sarebbe stato più lo stesso).

Ho vissuto la grande notte del 69 nella quale due uomini scendevano sulla luna, ho visto i grandi attori recitare nella televisione bianco e nero, ho imparato ad amare il calcio attraverso Gianni Rivera, ho visto la grande Inter, il grande Milan iniziare a vincere le coppe dei campioni, (per poi entrare in un lungo letargo).

Leggi il resto dell’ articolo »

Gli Oggetti Hanno un’Anima?

Carissimi

Gli oggetti hanno un’anima?

Me lo sono chiesto più volte per il rapporto che spesso ho con le cose e la passione per il passato, il proprio passato, oltre che per la storia.

Ci sono cose che possediamo che ci accompagnano per tanto tempo, a volte per sempre (il sempre umano legato alla nostra esistenza) che hanno per noi quel dichiarato “valore affettivo”.

Ci sono cose che necessariamente hanno rappresentano dei feticci ma sono degli oggetti che ci portiamo appresso nel tempo senza magari accorgercene, ma che finiscono per far perenne parte della nostra scrivania, dei nostri scaffali, della nostra stanza, a volte della nostra macchia e a tutto ciò leghiamo dei momenti e affidiamo la nostra memoria.

Lo so, razionalmente gli oggetti non possono avere un’anima. ma è più forte di noi, attraverso loro registrano il tempo che passa, il nostro divenire e assumono per noi e solo per noi una grande importanza evocativa.

Penso ai collezionisti, penso finanche agli accumulatori seriali, ma penso anche a chi come me raccoglie nella propria stanza dei libri, delle fotocopie, delle riviste che a volte contribuiscono a occupare spazi senza che vengano mai più aperte e senza che si trovi il coraggio di liberarsene.

Leggi il resto dell’ articolo »

E’ Opportuno che Misuri 7

Carissimi

Quando affermo di non capire nulla di politica, mentre sono chiamato a dare giudizi su situazioni contingenti, potrei dare l’impressione a tutti che il mio possa essere un atteggiamento di intellettuale snob. Premetto che non mi sento intellettuale, ma soltanto una persona che ha cervello, lo coltiva e lo esercita.

Snob, no!

Tutt’altro, sono un ingegnere con una vocazione matematica che non permette deroghe, ma ciò che è illogico, spesso è logico per la politica che dimostra di non avere regole, (se non quella unica della opportunità e della ragion di stato che poco si sposa con i teoremi e con tutto ciò che è dimostrabile e che sta alla base del credo di una mente razionale quale può essere quella di un ingegnere).

Per spiegare il mio punto di vista, a seguire vi farò un esempio, che seppur provenendo da chi razionale come me da spesso la sensazione di vivere in un mondo tutto suo, (non di “eletti tra virgolette” cioè gli scelti dal Signore, ma di persone che si confrontano su temi e basi condivisibili, razionali e dimostrabili) riesce a rendere l’idea ricorrendo all’uso dell’algebra elementare, attraverso la messa in pratica del teorema di Pitagora, (matematico vissuto nei tempi ellenici, potete capire quanto tempo è passato da allora).

Leggi il resto dell’ articolo »