Archivio per la categoria: In Evidenza

Nominato o “Innominato” per me pari sono

Carissimi

Vi ricordate del manzoniano “l’innominato”?

Sembrava proprio che il nome di costui non si potesse “ammuntuare” non perché portasse “attasso”, ma perché era così potente che meglio non nominarlo visto la miriade di nefandezze che costui era in grado di fare passando per impunito e dire che per far ciò si servisse di due “bravi”, ma anche in questo caso non trattavasi di “gente ca sinni sienti”, ma erano “bravi” un po’ come quei burocrati che chi vince le elezioni trova seduti ai posti di comando e non ha il coraggio di spostarli, perché sono “bravi” come se tutti quegli altri che avevano fuori dal cerchio magico in attesa della loro chance lo fossero di meno.

Ciò non di meno e scusate il gioco di parole, mancano sedici giorni alla fine di una campagna elettorale estiva stancante che finirà per essere come quando si fa il “gioco del silenzio”, chi parla ancora perde…

Leggi il resto dell’ articolo »

Generale, la Sua eredità?

Carissimo Generale

Mi permetto in questo anniversario di fare riferimento alla Sua nota lettera, inviata a riscontro di quella pervenutale dagli studenti di un istituto privato cittadino, al Suo arrivo in città e divenuta purtroppo un testamento per noi giovani.

Cosa ne è stato in questi 40 anni, cosa è accaduto nella mia vita, grazie anche alla mia educazione familiare, la formazione di base e i suoi insegnamenti fin qui seguiti pedissequamente?

Innanzi tutto quel giovane, seduto in caserma davanti al Tenente a discutere sulle aspirazioni nella vita, ingegnere lo è diventato veramente.

Ho cercato ed ho trovato subito qualcosa in cui credere, l’importanza del mio ruolo e il rispetto delle istituzioni, l’unico collante per una società civile e ho cercato pure qualcuno in cui credere, ma in questo caso non è stato sempre facile e ho dovuto raccogliere anche delle delusioni. Leggi il resto dell’ articolo »

Palermo è pronta per ospitare un Auditorium, ma nelle more…

Carissimi

L’estate entra nel mese finale, forse quello climaticamente più sopportabile dalle nostre parti ed insieme alle ultime feste, ci sono le ultime serate, i concerti, le rassegne all’aperto e tutto proprio come dicevamo accompagnato dal termine “aperto” a significare la sostenibilità climatica ed ambientale di ciò che andremo a vedere.

La Sicilia come diceva un compianto assessore al turismo è “un’isola circondata dal mare”, se non ricordassi il soggetto potrei anche vedere parafrasi dietro una frase scontata, ma credetemi non sempre chi parla, sa con chi parla e di cosa parla.

Pertanto si pensa ad una terra sempre esposta al sole ed a una perenne estate e poi si legge che in alcune zone non vi sono spazi dedicati per realizzare le grosse produzioni all’aperto. Se prendete Palermo attualmente è così.

Leggi il resto dell’ articolo »

Un collegio sicuro, mi viene in mente qualcosa

Carissimi

Mio Zio Antonio aveva due figli maschi, Andrea che andava bene qualunque cosa facesse, anche a scuola seppur le circostanze lo portarono a non continuare gli studi e Giuseppe, detto Pippino ovviamente, che non ne voleva neanche a brodo come si dice dalle nostre parti e questa cosa credetemi lo faceva impazzire, poiché a differenza di Andrea con Pippino le aveva tentate tutte e lo aveva accontentato in ogni cosa senza porsi il vero problema: “Pippino non era cosa”. Non necessariamente cretino, ma quella cosa non era fatta per lui e allora disperato chiese consiglio a mio Zio Gabriele, sacerdote ma dopo tanto pudore………

Così approfittando un giorno della circostanza che in uno dei loro incontri zio Gabriele gli chiese: “Come va tuo figlio Pippino a scuola?”

Da quell’istante si aprì come un contenitore pieno di storie, lamentele, e mortificazioni che portarono alla conclusione: “è uno sciccazzu ca cuda!”

Leggi il resto dell’ articolo »

Election Day! Che bella parola

Carissimi
In questa solare giornata estiva prendiamo tutti consapevolezza che tra una quarantina di giorni, dopo averne parlato tanto, si torna a votare per politiche, eppure le ultime erano state meno di cinque anni fa, ma grazie a quei “perfetti” regolamenti che accompagnano la legge elettorale finivano quasi sempre per non consegnare un vincitore e soprattutto per garantire collegi sicuri per i nominati.
Alla lettura degli esiti elettorali la domanda che ci facevamo era sempre la stessa: “ma io così ho votato?”
Sarebbe stato opportuno rivedere per l’ennesima volta la legge elettorale ma non c’è stato né tempo né volontà e quindi eccoci di nuovo davanti alla scheda e alle coalizioni, con la speranza che questa volta uno dei due schieramenti possa superare il 50% delle preferenze e governare.
“Governare, Amministrare” che belle parole.

Leggi il resto dell’ articolo »

Auguro a Tutti una serena Crongoli

Carissimi

Inizio le mie vacanze e sono certo che seppur queste non saranno lunghe come quelle della nostra infanzia, saranno sempre sufficienti a staccare per qualche giorno e a rigenerare le pile, consapevole che qui il telefonino non ha “campo”.

Sono rimasti pochi i posti nella terra dove questo fenomeno avviene e comincio a pensare che chi condivide il mio punto di vista, li tiene segreti affinché non giunga di notte e notte qualche nuova compagnia telefonica ambiziosa a sanare quello che loro chiamano disaggio. L’assenza di telefonino, televisioni, radio ci aiuta spesso a riflettere su cose essenziali alle quali non abbiamo mai tempo di pensare.

“Che ve lo dico a fare” quei ventiquattro affezionati lettori settimanali che mi seguono da qualche tempo sanno che è solo uno per me l’eremo dove ritrovo “gente semplice”, Crongoli, piccolo paesino delle Madonie, abitato da 170 presenze, tra esseri umani ed animali che non risponde a nessuno delle nostre regole di socialità se non quella di una natura contadino-pastorale.

Leggi il resto dell’ articolo »

Non mi Arrendo

Carissimi

Certo i giapponesi sono un popolo strano e affascinante, lontano non solo chilometricamente da noi, ma lontano dalla nostra cultura, una miscela perfetta di innovazioni tecnologiche e custodia delle antiche tradizioni.

Una società legata al rispetto dei ruoli, dell’onore, della parola data, insomma una società così rigorosa nei principi da far sembrare quella siciliana che si riempie la bocca degli stessi termini una parodia.

Con questo non voglio dire che sono perfetti, anche loro hanno i propri difetti, anche loro fanno i propri errori, anche gli scienziati giapponesi sbagliano, basta soltanto pensare a quanti sono i bambini nati seguendo scrupolosamente il metodo contraccettivo di “knausogino”, ma che volete, questi sono effetti collaterali, ma di contro se a loro affidate un impegno d’onore, credetemi, pur di dare la propria vita, costoro la portano a compimento.

Leggi il resto dell’ articolo »

La Cosa Giusta

Carissimi

A volte guardo questo foglio bianco e penso tra me e me: “cosa di più posso dire ai miei 24 lettori, che ancora non ho detto? È giusto invitare a sognare un mondo migliore quando tutto intorno a noi va nel verso sbagliato?

Ho voluto sognare, ma non dormendo, un mondo migliore e vi ho pure dato le regole del gioco, ma ho scoperto subito che pur di non perdere in molti avete afferrato quel poco che c’era nel piattino ed avete cercato delle scorciatoie, oppure vi siete voltati dall’altro lato perché eravate indifferenti a stupide prediche, perché sapevate già che se il gioco ha delle regole, ha anche i suoi punti deboli dove attaccarlo.

Ogni qualvolta mi buttano a terra con l’inganno penso a questo episodio accadutomi quando avevo 20 anni.

Un giorno in un assolato pomeriggio come questo ero seduto in una caserma dei carabinieri difronte a un giovane comandante che stava ultimando le formalità di rito dovute alla raccolta della mia testimonianza su un furto/smarrimento avvenuto nel mio condominio.

Leggi il resto dell’ articolo »

Palermo vincerà imparando a rimotivare le risorse umane

Carissimi

In qualunque ambiente di lavoro io sia arrivato, mi sono da sempre dovuto guadagnare la stima delle truppe visto che i colleghi “ufficiali” mi guardavano sempre con la sufficienza di chi ti aspetta al varco, sicuro che tu possa sbagliare o addirittura ti possa stancare. Quindi nel momento in cui, per il ruolo ricoperto, dovevo formare una squadra mi ritrovavo nelle stesse condizioni di Massimo Troisi quando faceva il sogno della guerra addormentandosi tardi.

Sappiate che qualunque sia l’organizzazione pubblica o privata, il potere di alcuni dirigenti viene esercitato (a testa loro) nella capacità di spostare risorse umane. Nel pubblico, non dovendo fare conto con i budget e quindi con il costo che una risorsa umana affidata ha, il solo avere maggior personale rispetto ad un altro, rappresenta potere e prestigio.

Qualunque richiesta di movimentazione veniva avanzata diventava una tragedia, una operazione impossibile seguita ad un pianto per la storica carenza di personale o il sottodimensionamento delle risorse e quindi il “No” era assicurato.

Leggi il resto dell’ articolo »

“Che farò senza Euridice, dove andrò senza il mio ben”

Carissimi

Mi sono dovuto prendere una settimana di pausa in questo periodo pre-elettorale e scrivere più di un editoriale (questo è il terzo), rimasti non pubblicati ovviamente, poiché ero atteso al varco dai miei 24 lettori avvicinandosi il “D-day”.

Andando per strada, da più finestre, dietro le persiane chiuse, ho sentito da più parti la voce di Harold Stevens (il colonnello buonasera) dopo quelle tre note brevi, e una lunga, che mi riportavano all’apertura della Quinta di Beethoven, e che nell’alfabeto Morse, punto punto punto linea, equivalevano alla “V” di Victory (vittoria).

Quanta imprudenza, porta male, abbiate il buon gusto di attendere ancora dieci giorni.

Voi che non siete matematici, non dovete dimenticare che in questi momenti a scegliere delle nostre sorti sarà la gente e che la stessa gente, non sarà obbligata a farlo, (seppur sarebbe un diritto conquistato e a mio parere un dovere).

Ecco che in quel momento qualunque statistica, qualunque raccolta, si allontanerà dalla pura sommatoria algebrica di mani strette e si affiderà, alla consistenza dell’astensionismo, all’eviratore da divano di turno che per far sfregio alla società si taglierà i suoi attributi (spesso unico tesoro custodito) non andando a votare, a suo dire per protestare, perdendo questo momento magico, frutto di tante battaglie, per far sapere come la si pensa.

Aimè caro “evirato”, nessuno si accorgerà della tua rinuncia ad “esser uomo” e alla tua perdita di sangue, poiché “gli assenti hanno sempre torto” ed avrai dato facoltà di parola soltanto ai vincitori che a quel punto avranno il diritto di decidere “i giri” e quanto voler rimanere sulla giostra.

Leggi il resto dell’ articolo »