Archivio per la categoria: Epruno – Il meglio della vita (ilsicilia.it)

Sembra Facile?

A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni.

Pensiamo sempre che i nostri comportamenti si auto moralizzano in automatico sol perché facciamo passare del tempo e tutto ciò purtroppo è umano, basta pensare alle nefandezze, le ruberie e i delitti e perché no, le guerre che hanno fatto diventare i prepotenti, nobiltà per diritto divino.

Col passare del tempo tutti dimenticano e non potendo fare cadere le colpe dei padri sui figli, tutto è sanato e quello che è più grave, tutto ciò diventa regolare, vi basti pensare all’invenzione di principi quali “l’usucapione”. La “roba”, sempre quella è la tentazione delle tentazioni!

A volte, per non vedere e per non sentire, vorrei essere come Schopenhauer e rifugiarmi deluso nell’affetto per gli animali, ma purtroppo non ho animali domestici, ma come molti di voi vivo in mezzo agli “animali d’abitudine”, in società, in quelle giungle che spesso si chiamano comunità.

La vita di per sé sarebbe una cosa semplice se tutti noi corressimo la nostra gara nella nostra corsia senza necessariamente sconfinare in quella degli altri per danneggiarli.

Leggi il resto dell’ articolo »

Mi Dedicheranno mai Qualcosa?

Carissimi,
Arrivano quelli che noi chiamiamo “i morti” e i pensieri oltre che per i nostri defunti saranno certamente dedicati anche a quella che tra cento anni dovrà essere la nostra morte e allora in maniera mesta mi chiedo?

Mi daranno una grande sepoltura o mi seppelliranno al Panteon di Palermo come le persone importanti?

No, non potrà essere perché io mi farò cremare e spargeranno le mie ceneri al vento per evitare che la gente possa giocare con le mie ossa o mi possa appendere come nel cimitero dei cappuccini a deperirmi negli anni.

Mi faranno un mausoleo? E chi lo sa, potrebbe essere, dipende chi sarà il sindaco in quel momento. Certo parlare di morte porta fortuna, anche alla vigilia di Halloween e penso che il borgomastro attuale sarebbe contento se con la fascia tricolore tra cento anni potesse dedicarmi un mausoleo, ma il problema non sarebbe quello di giungerci tra cento anni, ma quello di trovare uno spazio non dedicato già a qualcuno.

Di contro vorrei parlare con il mio amico Michelangelo e chiedergli: “come si fa a scegliere quale strada ti debbono intitolare? Soprattutto come si fa a scegliere il tipo di strada e la grandezza?”

Mi dedicheranno cosa? Un viale, un largo, una piazza, un vicolo?

Vediamo come suona.

Leggi il resto dell’ articolo »

Cosa vi sta Capitando?

Carissimi,
Guardate che io vi tengo d’occhio mentre cammino con la mia motocicletta, mentre discutete tra di voi o solamente quando trovate un momento di attenzione tra più persone fisiche (sempre più raro) e lo vedo che c’è qualcosa che non mi “confinfera”.
Abbiamo parlato di “città dei like”, ma abbiamo parlato tantissimo dei social, ma questa volta vorrei parlare degli “Asocial”!
“L’Asocial” è chi di voi ha lasciato i canoni comuni per convertirsi anima e corpo all’iphone. Ha lasciato il mondo dei contatti reali per isolarsi fisicamente e gettarsi in un mondo virtuale affollato in tempo reale da “contatti”.
Sono lontano i tempi dei “pronto mamma” della mitica Franca Valeri, eppure all’epoca ridevamo nel pensare a questa persona “schiffarata” che si faceva compagnia con lunghissime telefonata alla mamma, adesso siamo noi in apparenza “indaffaratissimi” ad esser costantemente collegati al telefonino, in ogni istante reperibili e in qualunque nostra funzione.
“Indaffaratissimi”? Il pil di questa terra dovrebbe in apparenza toccare valori stratosferici a giudicare la vostra necessità di essere sempre connessi, dalle scale di casa, in auto, attraversando le strade, in ufficio alternando una sigaretta nella zona consentita ai fumatori (se ne esistono ancora) e una risposta ad una telefonata.
Quanti nuovi capitani d’azienda.
Leggi il resto dell’ articolo »

Lavori “like”

Carissimi,
Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi svilendo del significato la parola “politica” e mortificando di contro tutto ciò che è il percorso e l’autonomia della società civile. La politica è oggi altamente divisiva, il “sistema città” di contro è un ideale società che mette insieme risorse mentali di qualunque colore spinte alla ricerca di un minimo comune multiplo che caratterizzi un territorio, un modo di essere, una identità.

La continua ricerca di lavorare seguendo le mode appresso a chi può aumentare i nostri consensi finisce per snaturare tradizioni e contesti sociali che non devono necessariamente esser sacrificate ad una ricerca di ottusa modernità o soltanto ad un consenso nella lettura politica contingente del mondo.

Diciamolo, questo decennio che si andrà a chiudere a breve è stato l’inutile decennio dei “like”, quel distratto consenso che ha illuso tantissima gente che spara cazzate che ha costruito illusioni e gruppi di inascoltati disadattati autocompiaciuti, ma che rimane fondamentalmente lontano dalla realtà.

Come si fa a spostare un dibattito su temi di ragionevole discussione e poi affidarsi ai “like”?

Leggi il resto dell’ articolo »

La Gang dei Materassi

Carissimi,
Loro devono essere. Ormai ne ho le prove e dire che vorrebbero dare la colpa alla cittadinanza e a chi la pulisce.

Questa è una città che sta cambiando giorno dopo giorno, un luogo dove finalmente gli abitanti possono dare sfogo alla propria creatività, un agglomerato dove la parola “regole” è accettata soltanto se “utilizzata nel concetto di interpretazione artistica con iscrizione dei principi basilari che compongono le argomentazioni alternative”. Cioè? “Farisi i cazzi propri”.

Ci sono stati in passato artisti venuti da varie parti del mondo a reinterpretare lo spazio e i ruderi a volte ancora presenti dalle vicende belliche, fior fiore di urbanisti hanno reinterpretato la lettura di opere collettive o la nascita di nuove zone periferiche inventando modi di dire e acronimi che oggi hanno contribuito ad alimentare la fama e la visione di questa città dell’accoglienza che una volta fu solo dell’ospitalità.

Eppure tutto ciò passa in secondo piano rispetto alla genialità di un “popolo” che da solo “muta per rimanere sempre lo stesso”, dicevano i letterati e cioè il “cittadino palermitano”, colui che è in continua sfida con una amministrazione che ogni giorno a causa del recupero del ritardo infrastrutturale vede cambiare la città in continuazione e ne deve interpretare i canoni di fruizione.

A Palermo, non si vendono più piantine della città, diciamolo francamente, perché non sai se giorno dopo giorno questa continui a rimanere aggiornata, un giorno una strada è aperta e il giorno dopo trovi un muro anche se alzato momentaneamente per consentire cantieri di lavoro. Percorri la strada in un senso e il giorno dopo te la ritrovi in doppio senso o in senso inverso, i vigili urbani si sono dichiarati “prigionieri politici” e usano la paletta per difendersi più che per segnalare. Leggi il resto dell’ articolo »

Il Giusto Peso

Carissimi,

Si lavora per vivere o si vive per lavorare? Quante volte ve lo avrò chiesto? Questo è uno dei miei tantra che mi porto appresso da anni in special modo da quando personalmente ho compreso che non avrei fatto sempre il lavoro dei miei sogni, poiché ogni qualvolta mi confronto con quella che è la mia professione legata ai titoli per i quali ho studiato, ho sempre esercitato con piacere e allora la distinzione tra lavorare e vivere non mi è mai pesata.

La vita è di certo una accozzaglia di adempimenti che si esaurisce in sintesi tra due atti sessuali quello naturale del concepimento e quello innaturale della morte, ma tra tutti questi adempimenti, atteso che questi sono frutto delle latitudini geografiche dove a sorte nasciamo, dobbiamo necessariamente operare con discrezione e soprattutto stabilendo delle chiare “priorità” per non rimanere schiacciato dal peso degli accadimenti.

Bisogna quindi dare a tutto il “giusto peso”.

Leggi il resto dell’ articolo »

L’Urbanista e il Ghostwriter

Carissimi,
Sono cinquantanni che percorro le stesse strade nella stessa città e quello che da sempre mi salta in mente è la piena considerazione che non sono i fabbricati a cambiare in un contesto che ormai è stabile da quando venne fatto lo sventramento della via Roma ma è la gente che cambia e cambia soprattutto il loro modo di vivere.

Ricordo che da giovane laureato e da Ghostwriter di qualche politico scrissi un discorso per un consigliere comunale sul tema del centro storico, che rappresentava la piaga dell’epoca e che risentiva ancora delle ferite della seconda guerra mondiale seppur fossero passati quasi quarantanni dalla sua fine e viveva dell’abbandono dei suoi abitanti ormai “deportati” verso le zone di espansione periferica.

Bisognava riempire di contenuti un consiglio comunale, non perché fosse vacuo, tutt’altro, ma perché a fronte di grosse personalità presenti c’erano anche modesti consiglieri che magari non avevano il titolo di studio ma avevano tanta voglia di fare e soprattutto di non sfigurare.

Leggi il resto dell’ articolo »

Al vincitore i giri

Carissimi,

Non ho mai creduto e soprattutto accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre.
Se ci pensate, costui era sempre il più scarso e il più benestante e giocava soltanto perché era lui il padrone del pallone, ma il suo potere finiva d’incanto quando il suo pallone veniva sequestrato e tagliato dal “cattivo negoziante” stanco di vedere rimbalzare il “Super Santos” sulla sua vetrina o sulla sua macchina posteggiata in strada.
Allo stesso tempo non sopporto più le cattive leggi che negli anni partendo dai comuni e dalle regioni, dietro la falsa illusione di facilitare la governabilità, mortificano la partecipazione (in realtà molto bassa) facendo sì che chi conquista un voto in più, anche dopo un ballottaggio, diventa il padrone indiscusso del vapore per un certo numero di anni.
Ma quale necessità abbiamo di avere un unico uomo sovrano indiscusso a capo di una baracca per garantire la governabilità? Ma la governabilità di cosa? Fossimo un’azienda privata avremmo fatturati da conseguire e dividendi da spartire, ma in una collettività e poi con percentuali così basse di votanti, perché dovremmo dare i poteri ad un’unica persona che con percentuali basse lontane da maggioranze assolute o qualificate decide, a volte con arroganza, le sorti di una maggioranza schiacciante rispetto la sua (gli altri) che spesso finisce per rimanere fuori da qualunque coinvolgimento della vita sociale?
Troppo comodo il poter dire “peggio per loro”. La mia mente non permette che si possa lasciare indietro nessuno che si possa governare per i più attenti o i più plaudenti. Leggi il resto dell’ articolo »

Grazie a Dio è Venerdì Jean-Jacques

Carissimi,

Uno degli errori dei giorni d’oggi è quello di sentire soltanto ciò che vogliamo sentire estrapolando da contesti ben più complessi, stralci attraverso i quali costruiamo le nostre verità.
Sono stato un attento ascoltatore della crisi politica appena conclusasi, come ogni volta ho voluto ascoltare le notizie (in verità molto poche e sempre le stesse) attraverso diversi canali d’informazione, molto diversi alcuni tra di loro e ho privilegiato quelli che trovavo più lontani dal mio pensare perché sono ancora tra chi vuole capire ciò che accade e non c’è occasione migliore che sentire le ragioni della controparte, prima di farsi una propria idea.
Ho seguito la politica sui mezzi di comunicazione informatica fino al suggello dell’esito della crisi attraverso la piattaforma Rousseau e mi sono posto una serie di domande sulle piattaforme social, principalmente su quella che conosco meglio e da tempo e adopero con più frequenza Facebook.
Prima considerazione.

Un sistema apparentemente democratico che si nasconde dietro questionari preconfezionati per qualsivoglia reclamo, la stragrande maggioranza dei casi che non va a buon fine, affidato ad un computer e non ad un interlocutore che vi risponde, lo vedo come un punto debole.
Si, lo sapevamo che “un gioco nato per deridere una fiamma profumiera” non poteva diventare una cosa seria se non uno dei tanti strumenti per acquisire le nostre informazioni, la nostra identità, ma avremmo accettato di prestare il nostro bagaglio di foto, di pensieri, di contatti se avessimo scoperto che davanti ad una richiesta di reclamo, saremmo stati rimandati da scheda a scheda con messaggi di scusa e di temporeggiamento standard senza giungere ad alcuna soluzione? Leggi il resto dell’ articolo »

Il legame con le tradizioni

Carissimi,

ho già scritto in passato di Ignazio tornato nella sua terra dall’emigrazione per venire a ricoprire un posto da custode-portiere di uno stabile con tutte le garanzie sindacali. Ebbene quando il taxi lo lasciò davanti il suo nuovo domicilio lui era vestito ancora con i costumi tradizionali bavaresi, un pantaloncino e calzettoni di lana spessi, le bretelle sulla camicia quadrettata e soprattutto quel cappello verde con le piume.

Era la fine degli anni 70 ma ricordo che in strada tutti si fermarono a guardarlo e lui si diede una orgogliosa area teutonica acquisita con anni di mortificazione e sacrifichi che qui non sarebbe servita più a nulla. Anche il vecchio Cav. Saputo sedutosi a riposare qualche minuto nella bottega del fruttivendolo, sollevando il volto dai pugni congiunti che tenevano fisso il bastone, disse: “Ma che arrivò carnavele? Ma chistu a cu appartieni?”

Provate a chiedere agli inglesi il motivo per cui la Regina quando va nella camera dei Lords, seduti con i loro vestiti tradizionali, manda un messaggero anch’egli in costume d’epoca a chiamare i “Commons” (i Parlamentari della camera dei comuni tra i quali i ministri e il primo ministro) e costoro dietro lo “Speaker” in silenzio la raggiungono rimanendo costipati in piedi in fondo alla sala ad ascoltare il discorso di “Sua Graziosa Maestà”.
Provate ad andare in chiesa il giorno di festa tra i Ladini delle Dolomiti e verrete catapultati in una atmosfera che si ripete la stessa da secoli apprezzabile dai variopinti costumi e l’esaltazione di una comunità montanara. Leggi il resto dell’ articolo »