Chi sa quanto vale l’essere umano?

Carissimi,

oggi abbiamo soppiantato il modello dell’uomo forte con quello dell’uomo ancora più cinico, il vincente, colui che deve ottenere il risultato a qualunque costo, deve fare profitto passando sopra tutto e tutti e quei tutti spesso siamo noi.

Abbiamo dimenticato il “valore” dell’essere umano, ecco perché guardo con attenzione tutte le vicende che di esso parlano, le ormai omni-presenti notizie sulle migrazioni, ma sto molto attento a non perdere di vista il pallone (che volete nell’animo sono ancora un giovane centrocampista che gioca a calcio) e mi costerno, mi commuovo, ancora più di quanto facevo prima, nell’incontrare la “povertà umana”, l’emarginazione ma sono rigorosamente attento a non farmi prendere per il naso dagli aspiranti “vincenti” odierni che ne vogliono sfruttare le disgrazie altrui, come dicevo prima, passando su tutto e tutti. Leggi il resto dell’ articolo »

Ha da passà a nuttata

Carissimi

“Ha da passà a nuttata” diceva Eduardo e nel dirlo parafrasava la circostanza che per certe malattie sarebbe stato necessario attendere le ventiquattro ore per avere la certezza di esser fuori pericolo.

Oggi io mi sento di interpretare questa frase in più modi e per farlo ho bisogno di tutto il coraggio che un “opinionista prestato” deve avere, consapevole che tornato al suo naturale giornaliero ruolo, queste sue “opinioni” gli possano costare caro.

Il mio “Amico editore” ha scelto di mettere sempre la mia faccia, qualunque sia l’avatar a corredo dei miei pezzi e così facendo ha voluto evidenziare la facoltà che il sottoscritto, “uomo libero” come da profilo Facebook, ha di poter dire in libertà ciò che pensa poiché usando un’altra frase gergale, “il sottoscritto ha già dato!” Leggi il resto dell’ articolo »

Tradizionale Discorso di Fine Anno di Epruno alla Nazione

In occasione della fine dell’anno 2018, in diretta dagli Uffici di Gabinetto di Epruno, a reti unificate (Facebook profilo “Epruno”; Facebook gruppo “Io leggo Epruno”; Facebook gruppo “Io sono un Amico di Epruno – Sono un Eprunista”; blog “www.epruno.it/”)

Carissimi

Eccoci alla fine di questo 2019, qualcuno di Voi dirà finalmente perché non è stato un anno di quelli semplici, certo c’è chi tra voi magari ha fatto un super enalotto, chi è riuscito a comprarsi la Ferrari, chi ad andare a letto con Daenerys Targaryen (la regina dei draghi) ma la stragrande maggioranza di noi ha avuto un anno di merda, corroborato dall’ottimismo che trasbordava da qualunque dibattito televisivo. Tanto tuonò che piovve e fu così che ora che tutti avevano le soluzioni per governare ecco che son giunti loro.

Leggi il resto dell’ articolo »

Cu è fissa si sta a casa!

Carissimi,

Continuava a tenermi fermo l’avambraccio sinistro mentre mi parlava e continuava a cadenzare quel fastidioso “mi ha capito?”. E io pensavo tra me e me: “ora lo picchio!”. Ma quando mai, non sono stato mai una persona violenta, benché da pacifico tollerante se portato ad un carico di rottura chi sa che cosa avrei potuto fare, quale esplosione violenta e inusitata, quale reazione sproporzionata mi avrebbe potuto sollecitare quel suo “mi ha capito” al posto di un più educato “mi sono spiegato”.

E intanto l’aver messo le mani di sopra, il subire quella violenza tattile durante la discussione stava per farmi esplodere, mentre dovevo mantenere il sorriso delle circostanze e fu in quel momento che decisi di scendere sul suo campo da gioco, accettando regole e codifiche, uscendomene con un semplice: “d’altronde”. Leggi il resto dell’ articolo »

Creare è roba da Ingegneri

Carissimi,

ne sono certo, non può che essere un Ingegnere.
Me lo immagino nel momento della “madre di tutti gli appalti” quando in una enorme stanza luminosa e bianca, seduto al centro di un grande tavolo di riunione, attorniato da i suoi “alati collaboratori”, mentre la musica di sottofondo era sempre quella di cori gloriosi (a Lui piaceva lavorare sentendo musica), voltarsi verso sinistra e sfogliando le innumerevoli tavole piene di dettagli, chiedere: “che te ne pare?”
E sentirsi rispondere: “Sei un Dio!”
E replicare: “Lo so!”
E voltarsi poi verso destra e chiedere: “E tu perché non parli?”
E sentirsi rispondere: “Si è bello, ma non possiamo darlo in appalto ad affidamento diretto, in modo fiduciario, ad intuito persona.”
E replicare: “comando Io e si fa come dico Io e poi ho già pronto un pacchetto di 10 leggi speciali e semplici che costituiranno il regolamento d’attuazione. Una sorta di fascicolo del “fabbricato”.
E sentirsi rispondere: “Eh sì, ma le leggi vanno interpretate…”
E Lui replicare infastidito: “Ma tu collabori con me o vinisti ppi criticare? Per chi lavori?”
E sentirsi rispondere: “Faccio l’avvocato del diavolo!” Leggi il resto dell’ articolo »

Ebbene si: anche Epruno usa i cookie. Sappiamo che non vi cambierà la vita saperlo, ma la Comunità Europea ci obbliga a dirvelo, e adesso lo sapete! INFORMATIVA COMPLETA | CHIUDI