Carissimi,

Io ho un amico che tifa per la Juventus ed ha un gatto al quale, ad ogni vittoria della Juve, da un così detto “premietto” (cose da mangiare ovviamente). Comprenderete che dopo nove anni di scudetti di seguito, questo gatto sarà diventato obeso. Per fortuna ogni tanto fa dieta in occasione della Champions League.

Sapete bene che al giorno d’oggi un gatto che viene curato con “premietti” e tutta una serie di prodotti alimentari in boatta a lui dedicati da grandi chef, non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi da mangiare e pertanto anche quando il gatto ci sarà e risulterà sazio, i topi continueranno a ballare.

Pensavo a ciò riprendendo la moto, dopo tanto stare a casa, per avventurarmi per le strade delle mie due città. Adesso lungi da me dal voler parlare di politica, (come sempre rammento, diceva giustamente il mio presidente che io di politica non ne capisco nulla, avrei cambiato diversamente la sorte del mio piccolo condominio) sarei del tutto inadeguato e fuori luogo avendo per mentore e ispirazione soltanto le buche delle nostre strade e non serie e storiche appartenenze.

Mi sono convinto che dovremmo andare tutti in analisi, compreso il gatto obeso, poiché “non stiamo bene”. Cosa vedremo al risveglio della seduta terapeutica, un mondo nuovo?

Epruno che sa sognare e scrive da 20 anni ha atteso e commentato più di un quinquennio e sa benissimo con inquietudine che è questa “coda” quella più vicina alla realtà, dove “marzullisticamente” un giorno si avvia alla conclusione e un un altro si appresta ad iniziare. Sappiamo tutti che i “re”, i “veri re”, non vanno mai in guerra, se mai sono maestri della “fuga” ancor più di Bach, loro stanno sulla vetta di una collina e mandano gli eserciti a morire, per i loro scopi più assurdi, “utilizzando” chi ha guadagnato del suo e vuole difenderlo illudendosi che la guerra difenda la proprietà privata o perpetrando l’uso di coloro che sono buoni per tutte le stagioni e con la morale di un soldato di ventura e che periodicamente, al momento opportuno, ritornano a “galla” per far si che il “vero re” vinca sempre e resti tranquillamente nell’anonimato. Leggi il resto dell’articolo »